...

La Giunta comunale, con la delibera n.254 del 16/10/2020, ha avanzato - in risposta ad un bando del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo - la candidatura della città di Palermo al titolo di Capitale Italiana del Libro 2021, approvando contestualmente il dossier inviato al MIBACT.






...

Alla luce del Decreto Assessoriale n. 2906/2020 contenente le "Linee guida sulle modalità di rimborso dei titoli di viaggio del TPL ferroviario" Federconsumatori Sicilia e Comitato Pendolari Sicilia non possono che ritenere inaccettabile la forma, e la sostanza, della decisione presa dalla Regione Sicilia in merito ai rimborsi spettanti ai viaggiatori che non hanno potuto sfruttare biglietti e abbonamenti a causa della pandemia.









...

Con queste nuove riflessioni oggi vogliamo mettere in evidenza il legame che esiste tra l’attività politica dei parlamentari, che ricordiamo essere espressioni della sovranità popolare, e la legge elettorale che li crea.


...

"Restano diversità di vedute con il governo, che ha proposto alcune iniziative ma slegate da un calendario, al di fuori di scadenze precise". Così il presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci al termine dell’incontro con il premier Giuseppe Conte a Roma sul tema migranti


...

"I lavoratori dei punti vendita Coop Sicilia, dopo anni di sacrifici, non meritano un salto nel buio: la Cisal chiede al governo un tavolo nazionale sulla vertenza e siamo pronti a impugnare ogni atto che non garantisca il pieno mantenimento dei livelli occupazionali". Lo dicono Gianluca Colombino, segretario confederale Cisal, e Paolo Magrí, segretario della federazione Cisal Terziario Sicilia.



...

In questo momento storico difficilissimo per l’Italia e per il mondo, assistiamo in maniera quasi impotente, pur senza arrenderci, alla vacuità di una politica e di una classe dirigente che ha cavalcato il disagio sociale per costruirsi un consenso fondato sulle illusioni, o meglio sull’imbroglio, dell’antipolitica. È in atto una recessione del principio elettivo che sta colpendo tutte le democrazie pluraliste occidentali consolidate, in particolare a causa dei movimenti populisti che si ergono contro la rappresentanza e tutto il pluralismo partitico.



...

Quando fu scritta la Costituzione, nel 1947, i collegamenti con Roma erano scarsi e il numero dei parlamentari eletti fu fissato in 945. Già la riduzione a 600, in realtà, considerando la proporzione del 1947, è un dimezzamento. Oggi la pretesa di tagliare ancora il numero dei parlamentari è un’operazione antitecnologica, perché presuppone un’Italia ferma nel tempo, ed è antipopolare perché nega la crescita demografica. Può sembrare semplicemente uno slogan accattivante da campagna elettorale, ma in realtà è vero.


...

Con una nota formale la Regione Siciliana chiederà al ministero dell'Ambiente la sospensione delle procedure di riesame Aia (Autorizzazione integrata ambientale) e procederà, nel frattempo, a insediare due gruppi di lavoro per superare tutte le criticità fin qui emerse per la piena applicazione del Piano regionale di tutela della qualità dell'aria.


...

Il costo dei parlamentari a giustificazione delle ragioni per il Sì al referendum del 20-21 settembre è un argomento fallace e che, portato ai suoi estremi, porterebbe all’assolutismo. Il falso attacco alla casta diventa difesa demagogica della casta stessa. La questione vera invece è questa: andiamo verso una riforma che aumenta i diritti dei cittadini oppure no?


...

"La Sicilia non può continuare a subire questa invasione di migranti. Tra poche ore sarà sul mio tavolo l'ordinanza con cui dispongo lo sgombero di tutti gli Hotspot e dei Centri di accoglienza esistenti". Lo ha annunciato sabato sera il presidente della Regione Sicilia, Nello Musumeci, senza però indicare il futuro delle persone ospitate nei centri


...

"Mentre Musumeci prova a scaricare sui migranti le proprie responsabilità per l'aumento dei contagi, la realtà di queste ore ci parla di controlli disorganizzati nei porti e negli aeroporti dell'Isola, di casi di contagio generati dalla promiscuità sui mezzi del trasporto pubblico". Così Claudio Fava in merito alla recente ordinanza del presidente Musumeci


...

Quanti motivi ci sono per votare no? Tantissimi e con la spiegazione di un argomento alla volta cercheremo di sfatare i falsi miti di chi sostiene il taglio dei parlamentari, argomentando nel merito ogni questione. Per questo lanciamo una piccola rubrica “UNA PILLOLA PER IL NO AL GIORNO” sempre nell’intento di fornire ai cittadini una sana e corretta informazione sulle nostre motivazioni e su cosa ci spinge a difendere la nostra Costituzione ancora una volta sotto attacco dalla maggioranza di governo di turno.