Catania: tassi del 120% ad un ristoratore in crisi, arrestato usuraio

1' di lettura 18/11/2020 - Un uomo di 56 anni, Francesco Caccamo, è stato arrestato dalla Guardia di finanza di Catania per usura ed estorsione ai danni di un ristoratore in difficoltà per l'emergenza coronavirus

L'usuraio è stato arrestato dai militari del Gico del nucleo di Polizia economica finanziaria delle Fiamme gialle dopo avere ricevuto i soldi di una 'rata' dalla vittima. Secondo quanto ricostruito, Caccamo aveva prestato all'imprenditore 19mila euro, in più rate, applicandogli un tasso di interesse superiore al 120% l'anno.

L'uomo è indagato anche per estorsione: secondo l'accusa avrebbe minacciato di gravissime ritorsioni il ristoratore e i suoi familiari nel caso in cui non avesse fatto fronte al debito contratto, facendo anche riferimento al possibile intervento di soggetti inseriti in contesti criminali. Nell'abitazione di Caccamo i finanzieri hanno sequestrato circa 5 mila euro in contanti, 10 assegni per complessivi 60 mila euro, smartphone e documenti utili a ricostruire la sua 'contabilità in nero'.

___________________________________________
È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Telegram, cliccando nei link della tabella sotto e iscrivendosi GRATUITAMENTE.
Sono attivi anche i nostri canali social: Facebook e Twitter, per trovarli basta cliccare nei link della tabella sotto.

Città Telegram Social
Agrigento @vivereagrigento FB
Caltanissetta @viverecaltanissetta FB - Twitter
Catania @viverecatania FB - Twitter
Enna @vivereenna FB - Twitter
Messina @viveremessina FB - Twitter
Palermo @viverepalermo FB - Twitter
Ragusa @vivereragusa FB - Twitter
Siracusa @viveresiracusa FB - Twitter
Trapani @viveretrapani FB





Questo è un articolo pubblicato il 18-11-2020 alle 12:14 sul giornale del 19 novembre 2020 - 180 letture

In questo articolo si parla di cronaca, marco vitaloni, articolo, usuraio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bCus