Partinico, il Comune sciolto per infiltrazioni mafiose. Arrivano i commissari

1' di lettura 28/07/2020 - Sciolto per mafia il Consiglio comunale di Partinico. Lo ha deliberato il Consiglio dei ministri su proposta della titolare del Viminale, Luciana Lamorgese. Prorogato per sei mesi il commissariamento di Mistretta e San Cataldo

La ministra dell'Interno ha chiesto lo scioglimento del Consiglio comunale perché "sono emerse forme di ingerenza da parte della criminalità organizzata che compromettono l’imparzialità e il buon andamento dell’attività amministrativa". Il Cdm ha quindi deliberato l’affidamento della gestione del Comune ad una commissione straordinaria per un periodo di diciotto mesi.

Dal giugno 2019 Partinico era guidato da un commissario straordinario nominato dal presidente della Regione Nello Musumeci dopo le dimissioni del sindaco Maurizio De Luca, arrivate a 11 mesi dall'insediamento.

Il Consiglio dei ministri ha deciso inoltre la proroga per sei mesi dello scioglimento dei Consigli comunali di San Cataldo (CL) e Mistretta (ME).

Invia i tuoi comunicati stampa a sicilia@vivere.news o all'indirizzo mail relativo a ciascuna città:

agrigento@vivere.news

caltanissetta@vivere.news

catania@vivere.news

enna@vivere.news

messina@vivere.news

palermo@vivere.news

ragusa@vivere.news

siracusa@vivere.news

trapani@vivere.news






Questo è un articolo pubblicato il 28-07-2020 alle 18:10 sul giornale del 29 luglio 2020 - 161 letture

In questo articolo si parla di cronaca, consiglio comunale, redazione, mafia, articolo, san cataldo, mistretta, partinico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/brR9